· 

Wellington, Route 52, East Coast, Auckland

Ciao, arrivati a Wellington, non sappiamo se ripartire subito o rimanere un po' in cittá, ma poi saliamo sul primo treno e ci dirigiamo a est della cittá, evitando cosí tutto il traffico, perché adesso ormai abbiamo imparato ad usare anche i mezzi pubblici, e non solo le nostre 2 biciclette. 

Non abbiamo molta scelta per dirigerci a nord, o l'autostrada o una strada secondaria, la "Route 52", che era praticamente l'autostrada vecchia. Cerchiamo di informarci sui Camping, ma neanche all'ufficio informazioni ci sanno dire dove possiamo pernottare! Appena si vuole fare qualcosa al di fuori del normale percorso turistico, nessuno sa niente, ma iniziamo lostesso il percorso, che si rivela un'avventura, e la tenda é la nostra salvezza. 

Il percorso é un pó noioso, ma almeno non c'é traffico. A destra e a sinistra ci sono solo fattorie, pecore e mucche, mucche e pecore. Attraversiamo boschi e colline, e le foglie iniziano a cadere, nell'aria si sente il profumo dell'autunno.

Ogni tanto c'é qualche casa, e in una scuola chiedo di poter riempire le borracce.

La prima sera dormiamo in un "Domaine", sono dei prati messi a disposizione dal comune, di solito solo con un bagno, ma questa volta abbiamo pure una doccia calda e un lavandino dove poter lavare i piatti,  e solo per 10 dollari.

C'é pure un tavolo di legno!

Il giorno dopo facciamo appena in tempo a fare colazione e i bagagli e un nuovo ciclone sta arrivando,  questa volta non riusciamo ad evitarlo.

Raggiungiamo un posto sperduto dove nessuno sembra voler aiutarci, il vento porta via tutto, e per fortuna troviamo un campeggio dove non chiudiamo occhio la notte, il vento é fortissimo, ma la tenda regge. Non é neanche il vento che ci fa paura, ma i rami degli alberi.

La "East Coast" si differenzia molto dal resto della Nuova Zelanda,  perché abitata prevalentemente dai Maori, i primi esploratori, e qui sembra proprio che tutto sia fermo, tutto é tranquillo, la maggior parte di loro non lavora, perché ricevono sussidi dallo stato, é gente che si accontenta di pochissimo, una baracca, una roulotte, talvolta una casetta prefabbricata, un pó di Prato, una cisterna per l'acqua, un cavallo e qualche gallina. 

La "Pacific Coast Highway" é lunga 323 km., da Gisborne a Opotiki all'inizio lungo la costa, con spiagge e baie deserte, poi molto montuosa. Di nuovo dobbiamo portare una bella scorta di cibo, i negozietti ci sono, lontanissimi l'uno dall'altro, ma non sempre sono aperti.

Tutti ci sconsigliano di avventurarsi lungo la costa, dicono che é pericoloso,  ma non diamo retta a nessuno, e trascorriamo una settimana senza vedere roulotte e turisti, finalmente!

Avendo fatto l'ultimo pezzo della costa al nostro arrivo, torniamo a Auckland in bus, pernottamento una notte e siamo stanchi e tristi perché ci manca solo il Nord e poi il nostro giro terminerà!

A presto! 

Kommentar schreiben

Kommentare: 0